Blogtour: "Celeste: la Forza di una Regina" di Cristina Vichi - 7° tappa - Recensione

20:53:00


Buonasera, amici lettori!
Questa sera vi parlerò di un libro che ho avuto modo di "vedere" da molto vicino: "Celeste - la Forza di una Regina" di Cristina Vichi. La mia recensione fa parte del più ampio blogtour che terminerà il 21 settembre con il giveaway finale. Vi consiglio di partecipare poiché sono in palio una copia cartacea e una digitale del romanzo!

CELESTE - LA FORZA DI UNA REGINA
Cristina Vichi

Casa editrice: Self-publishing
Genere: Avventura, romance a sfondo storico/fiabesco
346 pagine
Prezzo edizione digitale: 2,99 euro
Prezzo edizione cartacea: 13,23 euro



SINOSSI 

La profezia della Vecchia, svelata in punto di morte, sconvolge ogni equilibrio di amore e serenità.
Celeste, regina di Asserlay, si trova catapultata in un vortice di eventi che sembrano schiacciarla, condannandola a cedere alle prepotenze di chi trama contro di lei.
Ed ecco lo spirito selvaggio e indomito di una donna che continua a sperare, l’ardore di un’anima che non si può piegare, il coraggio di lottare contro ogni ingiustizia, nonostante tutto.
Il carattere di Celeste, la sua forza e la sua impulsività cambieranno il destino di chi la circonda: il suo atteggiamento anticonvenzionale non potrà non stupire.
Finché capirà che il nemico non è solo chi si schiera apertamente contro di lei: il vero nemico è il Passato.

Celeste (La Forza di una Regina) è il sequel di Celeste (L’Ardore di una Donna).
Entrambi i romanzi sono autoconclusivi.
L’epoca in cui sono narrate le vicende non è definita e i luoghi sono inventati.
Il carattere della protagonista non è volutamente giustificabile per i tempi in cui si svolge la storia.


Editing e grafica a cura di Emanuela Navone.

***

Be', sicuramente un arcano è svelato, visto che dalla sinossi compare chiaramente che sono io che ha curato e realizzato la grafica del libro, quindi non posso nascondermi né negare l'evidenza. In questa sede, però, sono una blogger e come tale parlerò di questo romanzo. Prima di conoscere Cristina, avevo già preso il primo volume di Celeste (Celeste: l'Ardore di una Donna), incuriosita dalla trama e da alcune recensioni molto positive. Quindi la mia lettura del sequel è stata, sì, una lettura attenta e inerente quel bizzarro lavoro chiamato editing, ma anche una lettura da "lettrice" (perdonatemi la ripetizione), che mi ha fatto conoscere, capitolo dopo capitolo, lo straordinario regno di Asserlay e i suoi abitanti. 

La storia di apre un anno dopo i fatti di Celeste: l'Ardore di una Donna (che per ovvie ragioni non svelerò). Celeste, la protagonista, è regina di Asserlay insieme al marito Alessandro. I due sono sovrani sui generis: a loro non importa che le persone che li circondano siano ricche o povere. Alla loro tavola può sedere chiunque: da Marlok e Caterina, i genitori di Alessandro, a Ivan, padre di Celeste e semplice fattore, e infine a Emma, cameriera. Questo, di per sé, può già far intuire l'unicità della trama. Il romanzo non ha una collocazione temporale ben definita, ma tutto fa intuire di essere nel Medioevo, dove, si sa, re e servitori non sedevano certamente allo stesso tavolo! Cristina non si ferma qui. Celeste, l'eroina del romanzo, è tutto quello che una donna può incarnare: femminilità, ardore, coraggio, forza. E' sensibile ma al contempo grintosa. Ha un carattere talmente peperino da non farsi mettere i piedi in testa da nessuno, tantomeno da un uomo! Celeste è la donna che ho sempre sognato di leggere. Ammettiamolo: non siamo un po' stufe di personaggi femminili che si fanno completamente soggiogare dal maschio alfa, che si fanno calpestare come zerbini e che non sanno fare altro che allargare le gambe? Be', io sì. Quindi Celeste, per me, è stata veramente una boccata di ossigeno. Alessandro, il protagonista maschile, è anche lui una bella "testa", come si dice dalle mie parti: severo, a tratti esuberante, spesso testardo. Ma per Celeste, la donna della sua vita, è disposto a fare di tutto; insomma, la loro è una storia d'amore ad armi pari. Entrambi si completano, donandosi l'uno all'altra e completandosi a vicenda

Purtroppo, Cristina è beffarda e pone sulla via di Celeste e Alessandro numerosi ostacoli, che mettono in serio pericolo la loro storia. La profezia della Vecchia, svelata in punto di morte, sembra non essere solo un'accozzaglia di frasi strampalate come pare all'inizio. E se per Celeste si pone il più difficile dei dilemmi, per Alessandro non è da meno. Con un intreccio di trama incalzante e avvincente, l'autrice ci trascina con sé insieme a Celeste e ai tanti personaggi che costellano le sue avventura. Al plot principale si affiancano alcune sottotrame che si incastrano però perfettamente al puzzle del romanzo. Lode a Cristina per essere riuscita a costruire un romanzo dove l'attenzione de lettore viene sempre pungolata, senza punti morti o eccessivamente noiosi. 

Celeste: la Forza di una Regina è un romanzo dai contorni fiabeschi che consiglio a tutti, non solo agli inguaribili romantici ma anche agli amanti dell'intreccio e dell'avventura. Perché il romanzo è come la protagonista: sensibile e grintoso.

***

Aspettate...! Non chiudete la pagina, qui sotto troverete le regole per partecipare al giveaway.

1) Diventare Follower del blog autrice.
2) Mettere MI PIACE alla pagina Facebook dell’autrice
3) Diventare Follower dei blog che ospitano le tappe e il Giveaway del tour.
4) Condividere l’evento sui propri social e inserire il banner sul proprio blog (Chi ha un blog!)

IMPORTANTE: Per partecipare basta inserire il nome e la propria email sotto a una qualsiasi tappa del blogtour o del Giveaway finale. 


Ti potrebbero anche piacere

2 commenti

  1. Grazie mille, Manu! <3 I tuoi consigli sono stati davvero preziosi.

    RispondiElimina
  2. bellissima tappa,, libro sfizioso!

    RispondiElimina

Post popolari

Partecipo a:

Riconoscimenti

In classifica
siti web
VOTA IL MIO BLOG SU NETPARADE!
anticocalamaio.blogspot.it

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autrice non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Altre fotografie, invece, sono di proprietà dell'autrice del blog, che non è responsabile, inoltre, dei siti collegati tramite link né del loro contenuto, che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Subscribe